Come ottenere Bitcoin Cash gratis in poche semplici mosse11 minuti

image_pdfDownload PDF

In questo articolo vedremo come tutti i possessori di Bitcoin possono ottenere Bitcoin Cash gratuitamente entro il 1 agosto. La prima parte dell’articolo spiega cosa sono i bitcoin cash e perché sono “distribuiti” a qualsiasi possessore di Bitcoin. La seconda parte indica le operazioni pratiche da compiere per ottenerli.

Cos’è Bitcoin Cash (BCH)?

Bitcoin Cash è una nuova moneta creata con un hard fork di Bitcoin. La blockchain Bitcoin e quella Bitcoin Cash sono comuni fino alle ore 14.20 italiane (12.20 UTC). Ogni utente che possiede dei bitcoin entro le 14.20 del primo agosto è intitolato ad un eguale ammontare di bitcoin cash, a patto di eseguire semplici operazioni, più avanti descritte.

Qual è la ragion d’essere di Bitcoin Cash?

A fine agosto si attiverà l’upgrade a SegWit su Bitcoin, permettendo tecnologie di scalabilità offchain. Bitcoin Cash rifiuta SegWit e punta a scalare onchain, aumentando la dimensione dei blocchi e appesantendo così la blockchain. Secondo i promotori di questa visione, il progresso tecnologico garantirà uno sviluppo di hardware e banda sufficienti a gestire una blockchain molto più pesante di quella attuale, senza particolari rischi di sicurezza, mentre SegWit non sarebbe la scelta più sicura perché darebbe più potere ad aziende che forniranno intermediazione nel mercato offchain, accentrando quindi la rete nelle mani di intermediari. Bitcoin Cash si chiama proprio cash (contante) perché vuole rimanere una soluzione disintermediata. Il tema SegWit vs Big Blocks è stato analizzato in altri articoli sul blog e non ci si dilungherà qui oltre.

È Bitcoin Cash il tanto temuto fork del 1 agosto?

No, il temuto fork del primo agosto era BIP148 UASF, ed è stato scongiurato grazie a BIP91, la prima parte dell’upgrade SegWit2x. Bitcoin Cash non è un pericolo, poiché è la semplice creazione di una nuova moneta, esattamente come se venisse lanciata sul mercato una diversa altcoin. L’UASF invece costituiva una minaccia perché sarebbe potuto risultare in un chain split, dove vi sarebbe stata incertezza su quale delle due catene fosse il vero Bitcoin, con enormi disservizi e perdite per utenti, aziende e miners.

Chi sostiene Bitcoin Cash?

Bitcoin Cash era la soluzione di ripiego proposta dall’azienda Bitmain, produttrice di mining hardware, qualora SegWit2x fosse fallito e il primo agosto UASF avesse dato via al fork. I miners contrari a UASF, creando una nuova moneta grazie a questo hard fork, avrebbero potuto proteggersi dal reorg di UASF, la cui catena, se avesse ottenuto la maggioranza di potenza di calcolo, avrebbe inghiottito la vecchia catena legacy. Oggi, SegWit2x è stato un successo quasi plebiscitario, perciò nessun miner, nemmeno Bitmain, ufficialmente sostiene Bitcoin Cash. Non è difficile prevedere che comunque qualcuno dedichi una piccola parte di potenza di calcolo, anche a soli fini sperimentali, per la creazione della catena BCH.

Come avviene tecnicamente il fork?

Per dare via al fork, la catena Bitcoin Cash accetterà soltanto un blocco più grande di 1mb dopo le 14.20 del 1 agosto. Il fork avverrà esattamente al primo blocco creato sulla catena Bitcoin dopo le 14.20, poiché quel blocco, seguendo il protocollo originario Bitcoin della catena legacy, avrà una dimensione pari o inferiore a 1mb, venendo quindi rifiutato dai client e miners Bitcoin Cash. Da quel momento, i miners dedicati a Bitcoin Cash lavoreranno per creare il primo blocco BCH, di dimensione necessariamente maggiore a 1mb. Dato che la difficoltà di mining sulla catena BCH è inizialmente pari a quella del Bitcoin, ma la potenza di calcolo che lavorerà sulla catena sarà molto inferiore, potrebbero volerci ore perché venga creato il primo blocco BCH. Per questa ragione le transazioni BCH saranno inizialmente lentissime: senza un blocco che le scriva nel registro blockchain, nessuna transazione sarà mai confermata. Col tempo, la difficoltà di mining diminuirà fino a normalizzare la situazione, ma a patto che la catena BCH rimanga in vita e sostenuta da qualche miner.

Come è possibile che ogni utente “duplichi” i propri bitcoin in Bitcoin e Bitcoin Cash?

Una breve e semplice premessa teorica è necessaria per capire questo fatto: la blockchain è fatta di blocchi che registrano le transazioni. Quando vogliamo ricevere una transazione Bitcoin, il nostro client wallet produce una coppia di chiavi, quella pubblica e quella privata. Immaginiamo che Bob voglia vendere ad Alice una fiat Panda che costa 3 btc: il wallet di Bob in automatico genera una chiave privata e una chiave pubblica. Quest’ultima viene trasmessa in forma di indirizzo (riquadro verde) ad Alice, mentre il wallet di Bob conserva in segreto la chiave privata. Alice sa che deve pagare 3btc all’indirizzo che ha ricevuto, quindi il suo wallet scansiona la blockchain alla ricerca dei bitcoin da inviare. Un wallet Bitcoin non è altro che una repository di chiavi private, utilizzate per scansionare le chiavi pubbliche presenti sulla blockchain e visualizzare quindi quali di queste sono “sbloccabili” con la corrispondente chiave privata. In questo modo il wallet calcola quanti bitcoin registrati sulla blockchain l’utente è potenzialmente in grado di spostare, determinando quindi l’ammontare nel proprio “balance”, o “conto”. Nell’esempio, Alice con le sue chiavi private può spostare 3 bitcoin presenti in diverse chiavi pubbliche registrate sulla blockchain. Alice esegue quindi la transazione, firmando con le chiavi private e inviando a Bob. Dal momento in cui la transazione viene inserita dai miners nel blocco successivo della blockchain, sarà Bob a poter muovere quei bitcoin con la sua chiave privata, perché è l’unico a poter sbloccare i bitcoin trasferiti nella nuova chiave pubblica (riquadro verde).

Ora vediamo cosa succede in caso di Hard Fork con creazione di una seconda moneta. Dalle ore 14.20 (fuso italiano) il primo blocco creato sulla catena legacy non sarà accettato dai clients e miners Bitcoin Cash. Alice potrà quindi trasferire i 3btc a Bob, che ha un client Bitcoin tradizionale (catena legacy), ma Charlie, che invece ha un client BitcoinABC, o Electroncash, o altri client che supportano Bitcoin Cash, non vedrà come valido il blocco appena creato, quindi non riconoscerà la transazione fatta da Alice come valida. Se la transazione non è valida, significa che Alice potrà inviare gli stessi 3 bitcoin nuovamente come input per una transazione verso Charlie e quest’ultimo accetterà i coin, che verranno registrati dai miners nella nuova catena Bitcoin Cash. Alice quindi a tutti gli effetti potrà vendere due volte i suoi coin.

Come conservare sia Bitcoin che Bitcoin Cash?

SOLUZIONE 1: L’EXCHANGE

Alcuni exchange garantiscono il supporto di Bitcoin Cash. Ciò significa che automaticamente accrediteranno all’utente una somma di BCH pari ai BTC che l’utente mantiene in deposito sull’exchange fino al momento del fork. Vi sono vari exchange elencati nella sezione apposita del sito https://www.bitcoincash.org/ che accreditano i BCH, ma ne consiglierei tuttavia uno soltanto: Kraken.com. Il motivo è che non solo Kraken è uno dei migliori exchange che accredita all’utente i BCH, ma ha espressamente dichiarato che permetterà di tradarli con EUR, USD e BTC.

PRO:

– Ci si affida a Kraken per la gestione e la “duplicazione” dei propri coin in BTC e BCH senza dover installare wallets ed esportare o importare alcuna chiave o seed

– Kraken permetterà non solo di conservare e trasferire i BCH, ma di venderli e comprarli sulla piattaforma in cambio di Bitcoin, Euro o Dollari. Il vantaggio fondamentale è che i BCH saranno già sulla piattaforma e pronti ad essere scambiati nei primissimi momenti successivi al fork. Questa situazione è ben diversa rispetto al caso in cui teniamo i BTC (e di conseguenza i BCH) su un wallet personale al momento del fork. Infatti per inviare i BCH ad un exchange e poi venderli impiegheremmo moltissimo tempo, poiché la convalida della transazione verso l’indirizzo dell’exchange sarebbe lentissima da parte dei miners. Come spiegato, la potenza di calcolo della catena BCH sarà molto inferiore a quella BTC e il primo blocco potrebbe essere creato solo dopo molte ore il fork.

CONTRO:

– Bisogna fidarsi di Kraken. Storicamente abbiamo visto che vari exchange sono stati hackerati o sono falliti (o forse hanno inscenato un fallimento) con conseguente perdita di denaro degli utenti

– Bisogna verificarsi al Tier 1 di Kraken per poter trasferire BTC sulla piattaforma: è cioè richiesto l’inserimento di Nome, Cognome, Data di nascita, Paese e Telefono. Fortunatamente per tradare e fare withdrawal di crypto è sufficiente il Tier 1, senza dover procedere a ulteriori verifiche o registrare un documento di identità.

SOLUZIONE 2: IL WALLET CON CHIAVI PRIVATE

A) Inviare tutto su un nuovo portafoglio Electrum

Se controlliamo le chiavi private o il seed (che non è altro che una passphrase che il wallet usa per generare a cascata tutte le chiavi private) relativi alle chiavi pubbliche su cui sono conservati i nostri bitcoin, allora siamo anche in grado di utilizzare queste chiavi/seed per ottenere i bitcoin cash.

Se detenete i fondi su un wallet come Coinbase che non dà in mano all’utente il seed o la possibilità di esportare le chiavi private, i fondi vanno trasferiti su un nuovo wallet. Consiglio di usare Electrum https://electrum.org/#download perché permette di importare ed esportare con facilità sia seed che chiavi private. Installato Electrum, create un nuovo seed e salvatelo.

 

Quindi trasferite tutti i vostri fondi da Coinbase (o comunque il wallet che avevate in precedenza) e portateli su Electrum. Come scrupolo aggiuntivo, esportate le chiavi private da Electrum. Questo vi permetterà di importare sul wallet di Bitcoin Cash i coin con due diversi metodi, il che può essere conveniente, dato che potrebbero uscire release di wallets BCH che supportano solo alcune tipologie di import.

Attenzione perché se muovete i vostri Bitcoin dopo l’export delle chiavi private, queste ultime risulteranno “vuote”, ovvero non associate ad alcuna chiave pubblica con dei bitcoin/bitcoin cash.

Sarà ovvio, ma è bene ricordare che una volta fatto l’export delle chiavi, non bisogna più muovere i bitcoin fino al fork, attendendo quindi almeno il primo blocco legacy dopo le 14.20, che dovrebbe avvenire all’incirca intorno alle 14.30. Al seguente link potete controllare l’avvento del fork, ovvero quando il numero “Current Height” (del blocco) sarà inferiore per Bitcoin ABC (Bitcoin Cash) rispetto alla catena legacy, anziché pari come in questo momento: https://www.btcforkmonitor.info/ Se il numero è inferiore, significa che sulla blockchain Bitcoin Cash ci sono meno blocchi validi, ovvero Bitcoin Cash sta rifiutando alcuni blocchi creati dalla legacy chain.

B) Importare il portafoglio su Electrum

In alternativa al punto A), Se avete già i BTC su un wallet con seed o che permette l’export di chiavi private, assicuratevi di essere in grado di riuscire a importare i coin anche su Electrum. Questo vi darà la sicurezza che dopo il fork sarete anche in grado di fare l’import su un wallet Bitcoin Cash come http://www.electroncash.org/

Quindi scaricate Electrum per Bitcoin e selezionate “I already have a seed” anziché generare un nuovo seed. Perché Electrum riconosca il seed, potrebbe essere necessario selezionare Options -> BIP39 seed (la maggior parte dei wallet usa passphrase mnemoniche di tipo BIP39).

Se il wallet da cui importate è un multi-account BIP44, dovrete ripetere la procedura importando un account per volta. Se per esempio avete 3 account, nel pop-up “Account number” selezionate prima 0, poi 1 e poi 2. In questo modo avrete importato tutti e 3 gli account.

Ricordate che se avete problemi con l’import su Electrum e quindi avete dubbi che riuscirete a utilizzare il vostro seed o le vostre chiavi private dopo il fork, prima del fork potete effettuare una semplice transazione verso Electrum, pagando dei costi di commissione ai miners, ma almeno starete tranquilli che riuscirete a recuperare i Bitcoin Cash.

Infine: Importare il portafoglio su un client Bitcoin Cash

Dopo il fork, sarà disponibile al download Electroncash. È un fork di Electrum, perciò non dovreste avere alcun problema a importare il seed o le chiavi private, esattamente come fareste se fosse la versione Electrum per Bitcoin. Selezionate quindi “I already have a seed” oppure, se volete usare le chiavi private precedentemente esportate, “Use public or private keys”. Quindi incollate all’interno le vostre chiavi o seed e il gioco è fatto, avrete un wallet coi vostri BCH.

Se non vi fidate del software Electroncash, prima di importare seed e chiavi private lì, assicuratevi di aver spostato i Bitcoin su un altro wallet, quindi sotto a un diverso seed e chiavi private (nota: ovviamente è un’operazione da fare solo dopo il fork, o non avrete più i BCH!).

Potrebbero uscire dei wallet alternativi a Electroncash. Potrete provare anche lì l’import o l’export delle chiavi o seed. Infine, ovviamente si potrà anche usare il client ufficiale fullnode di Bitcoin Cash, ovvero BitcoinABC. Tuttavia questa scelta richiede il download dell’intera blockchain, ovvero circa 120gb. Non è possibile scaricare la blockchain in 3 giorni da qui al 1 agosto, perciò escludo sia un’opzione. Se già avete scaricato l’intera blockchain e fate girare un fullnode, si presume siate utenti esperti, quindi non avete bisogno di questa guida. Ad ogni modo, assicuratevi di copiare la blockchain in una directory differente rispetto alla vostra versione di Bitcoin Core o di btc1, dove andrete a installare BitcoinABC, per evitare che l’installazione sovrascriva il client Core.

Subito dopo il fork potrete spostare i vostri bitcoin dal wallet/chiavi private in cui erano conservati. Una volta importati i BCH sul relativo client, potrete scambiarli o inviarli su un exchange, se deciderete di venderli. Si ricordi soltanto che la rete Bitcoin Cash potrebbe essere molto lenta, specie i primi giorni, quindi anche se il trading dei relativi token su exchange avverrà alla stessa velocità di tutte le altre monete sull’exchange, depositi e withdrawal potrebbero impiegare ore (o giorni?).

Infine, non è detto che i Bitcoin Cash avranno alcun valore. Se lo avranno, forse sarà soltanto per i primi minuti o ore di trading, finché le vendite porteranno il prezzo a zero. Non è nemmeno detto che ci sia l’hard fork: qualora l’hashing power a sostegno della catena fosse irrisorio, anche i pochi miners potrebbero rinunciare e abbandonare la catena nei primissimi blocchi. Viceversa, BCH potrebbe stupirci ed avere molto più supporto di quanto previsto. Staremo a vedere!

Sottoscrivi alla mailing list per ricevere una newsletter ad ogni articolo pubblicato. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento, cliccando sul link presente in calce ad ogni mail ricevuta! Clicca qui: SUBSCRIBE

Share this page:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Potrebbero interessarti anche...

55 risposte

  1. Francesco ha detto:

    Non hai parlato di ledger nano s

  2. Stefano ha detto:

    Ciao e grazie per la spiegazione, adesso è un po’ più chiara la situazione.
    Visto che come dici nell’articolo, avere i BTC su un wallet e spostarli dopo il fork potrebbe richiedere (molto) tempo, tu opteresti per averli diretttamente su Kraken?

  3. Gianni ha detto:

    Innanzitutto complimenti davvero per la spiegazione. Sei stato L’UNICO in tutto il web che ha elencato passaggi importanti senza tralasciare cose scontate. Ciò nonostante, la mia poca dimestichezza mi fa perdere il filo ad un certo punto. Una domanda: io ho il mio btc su Mycelium. Mi è stato detto che basta che mi scriva le 12 parole chiave e il pin per stare tranquillo e avere la possibilità di avere successivamente il mio bcc ripristinando il wallet con le parole chiave…… È corretto?? Grazie

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Si è corretto! I passaggi descritti riguardo all’import su Electrum servono semplicemente a effettuare una verifica in più, assicurandosi di essere in grado di saper fare correttamente un export e import di seed o chiavi private. Se un un utente riesce a importare su Electrum, allora riuscirà sicuramente a importare anche su Electron Cash dopo il fork.

  4. Gianni ha detto:

    Dici che se sposto tutto su Kraken nella giornata di oggi ci potrebbero essere problemi? Leggo articolo di non fare transazioni in questi giorni..

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Se imposti delle commissioni di transazione alte arrivano senza problemi. I problemi si verificano con wallet tipo Coinbase (super buggato) o altre ciofeche. Se anche non arrivano, cioè se la transazione non dovesse essere confermata dai miners (ad esempio perché le fee sono troppo basse), significa che i tuoi bitcoin sono ancora nelle tue chiavi private, non li ha kraken. In quel caso, importando le chiavi private su electron cash, il 1 agosto avrai comunque i bitcoin cash.

  5. Alberto ha detto:

    Grazie Alberto per la super guida. Sono un neofita e la tua la ho trovata esaustiva e chiara.
    Ora ho una domanda, io qualche giorno fa ho aperto il wallet in CoinBase.
    Ad un certo punto della guida, dici: “Quindi trasferite tutti i vostri fondi da Coinbase (o comunque il wallet che avevate in precedenza) e portateli su Electrum.”
    Mi chiedo: Come faccio a trasferire da CoinBase ad Electrum?

    Grazie mille.

  6. Pippo ha detto:

    Io ho messo i btc su kraken, ma non sono stati duplicati ancora.

    P.s.
    Dove vedo i blocchi del bitcoin cash???

  7. Matteo ha detto:

    Salve Luigi, ho seguito il tuo consiglio e ho spostato tutti i miei bTC su Kraken e oggi ho visto che hanno creato il fondo BCC di pari importo.
    Volevo chiederti se ora è necessario spostarli, come suggerito per i wallet con chiave privata, o non serve far nulla e attendere solo che salgano di valore.

    grazie per la risposta e per tutta la spiegazione iniziale.

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Non c’è bisogno di spostarli. Puoi tranquillamente già venderli, o tenerli aspettando che salgano… o scendano di valore. Secondo me è più probabile che scendano, ma ho detto la stessa cosa ieri che valevano la metà : )
      (credo che la maggior parte della gente non riesca a capire come venderli, nel corso della giornata di ieri mi hanno tempestato di richieste di info)

  8. alexlab51 ha detto:

    il link si bitcoincash,org e’ senza https.. quindi occhio a scaricare software da li’.. consiglio verificare che non sia un sito fishing, dove il collegamento al server della blockchain con quel wallet non sia usato per “rubarvi il seed” attenzione

  9. Gio ha detto:

    Buongiorno.
    Ho un paio di bitcoin sul mio wallet di BITCOIN CORE.
    Come consigliate di procedere per ottenere pure i BITCOIN CASH?
    Grazie.

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Buongiorno,
      se hai Core e quindi hai scaricato l’intera blockchain sei nella situazione migliore.
      Non so su che sistema operativo sei, ad ogni modo copiati tutto in un’altra directory/un altro pc, qui quindi installa BitcoinABC, che dovrebbe essere migliore di electron cash e con meno bugs. Ho consigliato di installarlo su una diversa macchina per evitare che BitcoinABC ti sovrascriva la tua buil di Bitcoin Core.

      • Gio ha detto:

        Quindi, nella situazione finale avrò: nella copia di Bitcoin Core che copierò su un altro pc i miei bitcoin classici e nella nuova installazione di BitcoinABC i nuovi bitcoin cash?

      • Alberto De Luigi ha detto:

        Esatto! Se mi ricordo bene, ABC ti sovrascrive la build di core e vedi già il tuo balance. Se non dovesse essere così, non credo avrai comunque difficoltà, basta che importi il file wallet.dat, oppure le chiavi private o il seed su ABC.

      • Gio ha detto:

        Ti ringrazio per le preziose indicazioni.
        Ti chiedo un altro autorevole parere.
        Per chi come me fa mining di BTC su ANTPOOL: hanno scritto che inizieranno a pagare dal 4 di agosto.
        Pagheranno BTC o BCC oppure entrambi?
        In che modo?
        Grazie

      • Alberto De Luigi ha detto:

        Per quanto riguarda antpool, sicuramente BTC, salvo che non sia espressamente indicato il contrario. Ad oggi antpool ancora non mina nemmeno bch e fa parte della cordata SegWit2x. Hanno dichiarato però che potrebbero supportare bch in futuro, se la catena avrà successo.

  10. Massimo ha detto:

    Ho dei BTC su Electrum, cosa succede se non faccio assolutamente nulla finché non si saranno calmate le acque? Fra un mese, per esempio, potrò recuperare i miei BCC (sempre che valgano qualcosa…)?

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Si basterà usare il seed /chiavi private attuali di Electrum per importare il wallet su uno qualsiasi dei wallet per bch (o bcc che dir si voglia) che, da qui a un mese (se la catena sopravvive), sicuramente saranno disponibili

      • Massimo ha detto:

        Quindi a logica sarebbe meglio fare subito questa operazione e venderli adesso che hanno un certo valore… 🙂

      • Alberto De Luigi ha detto:

        Secondo me, non appena gli exchange aprono ai depositi, c’è un dump che ce lo ricordiamo fino al 2140

  11. Massimo ha detto:

    Approfitto per un’altra domanda:
    Per sicurezza: da Electrum creo un nuovo wallet e sposto i BTC dal vecchio wallet Electrum al nuovo appena creato (pagando le relative fee).
    A questo punto importo le chiavi private su Electron Cash… ma le chiavi private del vecchio wallet o di quello appena creato??? (scusate la domanda da inesperto, ma preferisco chiedere prima di perdere tutto…)

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Ciao, le chiavi private del vecchio wallet. Se poi su electron cash non vedi il tuo balance effettivo, vai su tools->network, disabilita “select server automatically” e sleziona “electroncash.cascharia.com” dalla lista.

  12. marco ha detto:

    ho installato a fatica perchè ho un mac electrum ma ora non mi fà instalalre electroncash…!
    che posso fare ??

  13. Luca ha detto:

    Ciao, ho appena inviato i miei bitcoin su Kraken, mi daranno lo stesso dei bitcoin Cash,
    Grazie in anticipo per la risposta

    • Alberto De Luigi ha detto:

      No, dovevi mandarli su Kraken un paio di giorni fa, ora è tardi. Però potresti comunque riuscire a recuperare i tuoi bch… da che wallet li hai spediti ora su kraken?

  14. Gio ha detto:

    Ciao Alberto,
    ma è’ possibile creare un wallet bitcoin cash su kraken?
    Ho provato ma non vedo alcuna possibilità per poterlo fare; in FUNDING non c’e’ bitcoin cash.

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Non è ancora possiible depositare Bitcoin Cash su Kraken. Per depositarli devi usare altri exchange come Bitfinex, ViaBTC o HitBTC

  15. Alex ha detto:

    Buon giorno.
    Io conservo attualmente i miei btc su un wallet Electrum “portable” installato su chiavetta usb.
    Voglio quindi creare un nuovo wallet Electrum ( con nuovo seed) ..ed inviare a questo i miei btc in modo da “svuotare” il primo portafoglio.
    Fatto questo…potrei creare partendo dal seed del wallet Electrum ormai vuoto un nuovo portafoglio Electrum Cash…dove dovrei pou trovare un egual quantitá di bitcoin cash.
    Alcune domande :
    1) Esiste una versione di Electron Cash “portable”..?
    2) Mi potete confermare che basta il solo seed di Electrum per poter generare un nuovo wallet Electron Cash e quindi ottenere i bitcoin cash…?
    Grazie a tutti

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Ciao,
      1) non ricordo. Quando lo installi vedrai subito se esiste.
      2) si confermo. Se dopo l’import del seed non vedi il tuo balance effettivo, vai su tools->network, disabilita “select server automatically” e sleziona “electroncash.cascharia.com” dalla lista.
      Nel frattempo comunque usciti vari altri wallet che supportano bitcoin cash, non devi usare per forza electron (ad esempio Coinomi, se googli ne trovi altri)

  16. Leo ha detto:

    Buongiorno,

    ho seguito con molto interesse le tue indicazioni. Io sono un neofita è ho accumulato delle frazioni di bitcoin in diversi wallet on line e quello dove ne ho di più anche se parliamo di un valore irrisorio è https://www.blockchain.com/. Cercavo un portafoglio offline multi crypto in quanto ho accumulato un pò di ltc e doge e i pochi btc di cui sopra. Cosa consigli come portafoglio offline che supporti anche bcc? Con i pochi btc che ho ha senso vendere o convertire in altro?

    Grazie

  17. Alex ha detto:

    Inanzitutto grazie per la risposta.
    Se fosse possibile preferirei un software totalmente “portable”..cosí che possa tenerlo su di una ..o piú pendrive senza bisogno di installare nulla sul pc.
    Ringrazio tutti coloro che potranno fornirmi informazioni riguardo ad un wallet (per bitcoin cash) con queste caratteristichè
    Una buona serata

  18. Gio ha detto:

    Aggiornamento: ho visto oggi che è possibile depositare BITCOIN CASH su KRAKEN.

  19. Gio ha detto:

    Salve Alberto,
    potrei avere un tuo pare su quanto mi è accaduto?
    Faccio un copia incolla del ticket che ho inoltrato a KRAKEN.
    My bitcoin cash wallet is on BITCOIN UNLIMITED software.
    Yesterday (9 August 2017) at 17:12 (GMT+1) i’ve submitted a transaction of -2.10720840 BCC to my BCC wallet on Kraken.
    Today (10 August 2017) I see that all my funds on my BITCOIN UNLIMITED (2.23596460) wallet were sent on an unkonwn wallet (35QtDcdArV2dNsbcRA5hcGcnovxdmTKzgc) at the same date and time I submitted my first transaction!
    How is it possible?
    Is there any way to regain my cryptocurrency?
    Thank you and please reply ASAP.
    BGRDS

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Ciao,
      Bitcoin Unlimited è un’implementazione fullnode per Bitcoin, non per Bitcoin Cash (almeno che io sappia!!). Non capisco come tu possa aver mandato dei Bitcoin Cash da un client Bitcoin Unlimited. Se avevi dei Bitcoin su Bitcoin Unlimited entro il 2 agosto, tramite il seed o le chiavi private corrispondenti puoi comunque recuperare i tuoi Bitcoin Cash.
      Non mi è chiaro quali fondi, ovvero se i BTC o i BCH, sono stati spostati su Kraken, quali risultano ora sul tuo wallet BU e cosa risulta invece su Kraken. Se hai spostato semplicemente dei Bitcoin a un indirizzo Bitcoin di Kraken (facendo l’operazione da un wallet Bitcoin Unlimited), allora ti vengono accreditati su Kraken solo i Bitcoin e non i Bitcoin Cash. Per avere anche i Bitcoin Cash, devi importare o il seed o le chiavi private su un wallet che supporti BCH, dopodiché creare un indirizzo BCH dalla sezione “Deposit” di Kraken e inviarli col tuo nuovo clietn BCH su Kraken a quel nuovo indirizzo generato.

  20. Gio ha detto:

    All my funds on my BITCOIN UNLIMITED (2.23596460) wallet were sent on an KNOWN wallet ON KRAKEN: 35QtDcdArV2dNsbcRA5hcGcnovxdmTKzgc
    The problem is that the wallet is XBT and no BCH!
    The transaction is confirmed but I don’t see my BCH funds on KRAKEN.
    Please, help me.

  21. Gio ha detto:

    Sopra ho postato una CORREZIONE al post precedente.

  22. Carlo3 ha detto:

    Ma come si fa a creare un nuovo portafoglio Electrum, nel quale spostare i BTC, nello stesso pc? Bisogna scaricarlo nuovamente indicando un nuovo percorso?

    • Alberto De Luigi ha detto:

      No, utenti senza capacità informatiche non lo fanno facilmente e comunque la risposta dipende dal sistema operativo che hai. Su windows, potresti provare creando un account utente diverso e quindi installare il software su entrambi gli account. Oppure creare una partizione su disco. La cosa più semplice sarebbe usare un altro computer. Ad ogni modo, se il tuo scopo è quello che immagino, non è necessario che installi un’altra volta electrum. Anziché usare electroncash di cui potresti non fidarti e che ti legge direttamente le chiavi di electrum, potresti usare altri software per bch, come Coinomi (android).
      Apri electrum (il wallet da cui non hai mai mosso i btc dal 1 agosto), e fai export di chiavi private e segnati il seed. Quindi schiaccia ctrl+n (apri nuovo wallet), iniziando così la procedura per creare un nuovo wallet electrum, col un nuovo seed. Sposta i bitcoin con una normale transazione dal wallet precedente electrum al nuovo wallet creato, che sarà il tuo nuovo wallet electrum di riferimento per i bitcoin (btc).
      Quindi usa il seed o le chiavi private del precedente wallet electrum btc per importare i bitcoin cash (bch) su coinomi (o altri software per bch, googlando ormai dovresti trovarne più d’uno). I tuoi btc saranno al sicuro perché li hai spostati su un altro wallet electrum btc con un altro seed (pur usando lo stesso software installato sullo stesso pc).

      • Carlo3 ha detto:

        Grazie per la risposta.
        Visto che non ho ancora provveduto a recuperare i BCH e nel frattempo mi è arrivata la Ledger nano S, volevo sapere se posso fare anche così: salvare le chiavi di Electrum (dove ho ancora i BTC mai movimentati dal 1 Agosto), spostare i BTC sulla Ledger nano S, scaricare Electroncash sullo stesso computer dove ho Electrum (vuoto) e inserire le chiavi.
        Grazie

  23. Fabioz ha detto:

    Buongiorno Alberto. Spero mi rispondi. Sono neofita e da poco ho scoperto il tuo blog. Avendo BTC su Green address (meno di uno) da prima del fork, potrei ancora recuperare BCH. Grazie.

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Ciao,
      no non puoi. Ti consiglio di usare un wallet che per cui hai il 100% del controllo delle tue chiavi private, come Electrum. Specialmente in vista di possibili futuri hard fork con split in due monete, come potrebbe accadere a Novembre.

  24. Fabioz ha detto:

    ok grazie quindi lascio perdere.
    Per electrum seguo la tua guida quindi?
    Il seed con GA mi serve a qualcosa?

    • Alberto De Luigi ha detto:

      Se non ci hai smanettato su creando un 2 di 3, il tuo wallet GA è un 2 di 2, ovvero tu hai una chiave, GA ha l’altra chiave. Questo significa che se fai una transazione verso il tuo nuovo wallet electrum, sia tu (il tuo wallet GA) che GA (il server di GA) firmate la transazione, che è valida solo in presenza delle due firme. Se però importi il seed, stai importando la tua chiave e non quella di GA (del server). Per questa ragione, devi creare un nuovo wallet Electrum (“create a new seed”) e trasferire lì i btc con una comune transazione pagando le fee al miner.

  25. Daniele ha detto:

    Alberto, grazie ancora per i tuoi preziosissimi articoli. Prevedi di farne un altro per quanto accadrà a Novembre? Sarebbe interessante anche capire se la trafila sarà la stessa anche nei confronti del nascituro BGold. Io posseggo un Trezor, spero di non dover esportare chiavi varie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *