Miner

Miner

Persona, o macchina, che effettua mining di bitcoin, ovvero raccoglie le transazioni effettuate nella rete e le convalida, inserendole all’interno di un blocco della blockchain. Effettuando questa operazione, che richiede potenza di calcolo, il miner guadagna in cambio le commissioni (fees) pagate dagli utenti e “scopre” nuovi bitcoin (fino al raggiungimento del tetto limite di 20.999.999,9769 bitcoin). Quando tutti i bitcoin sono stati scoperti, l’unica remunerazione del miner è la commissione sulle transazioni. Più potenza computazionale si aggiunge al network, maggiore è la sicurezza delle transazioni poiché un attaccante che volesse “riscrivere” una transazione, ovvero annullarla creando una catena di blocchi alternativa e di maggiore lunghezza, diventa costosissimo, richiedendo un enorme investimento in potenza di calcolo e, di conseguenza, finendo per essere un attacco economicamente non conveniente.

Mentre inizialmente qualsiasi computer poteva minare convenientemente grazie alla sola potenza della sua CPU, si sono successivamente usate le GPU (schede video), perché più efficienti per i calcoli della funzione di hashing. Oggi non si usano più processori generici, ma macchine specializzate esclusivamente nel mining Bitcoin, ovvero gli ASICs. A confronto una normale CPU, per quanto potentissima, sarebbe più inefficiente e quindi a parità di investimento hardware e consumo elettrico renderebbe meno bitcoin.

Per la creazione di Bitcoin mediante mining, si approfondisca qui:

Creazione di Bitcoin

« Back to Glossary Index

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *