Bitcoin

Protocollo informatico che permette di trasferire un determinato pacchetto di informazioni digitali (i bitcoin) esclusivamente conoscendo una sorta di “password” detta chiave privata, o alternativamente, all’avverarsi di specifiche condizioni (ad esempio i multisignature wallet o gli smart contracts, fra i quali lightning network). I wallet bitcoin hanno la funzione di custodire e gestire le chiavi private. Il trasferimento dei bitcoin è registrato pubblicamente sulla blockchain (un registro delle transazioni), ma la chiave per firmare una transazione è privata: questo fa sì che l’informazione scambiata sulla blockchain sia univoca e non duplicabile. Essendo la quantità massima di bitcoin limitata a circa 21 milioni, l’offerta di questa “informazione digitale” è in effetti “scarsa” e quindi, in presenza di una domanda, può assumere un valore economico, che si concreta nel prezzo del bitcoin. La scarsità del Bitcoin, oltre alle sue proprietà di trasferibilità e sicurezza nella custodia, lo rendono un buon candidato alla funzione di mezzo di scambio e riserva di valore tipica della moneta

Il bitcoin ha dei sottomultipli fino all’ottavo decimale. 0,001 Btc = 1 mBtc (millibitcoin), mentre l’unità più piccola è il satoshi, che ammonta a 0,00000001 Btc. Tecnicamente i bitcoin sono un dato scritto negli output di una transazione (che viene registrata in un blocco della blockchain). Il primo output è quello della coinbase transaction verso il miner che ha creato il blocco, dopodiché quell’output diventa input per nuove transazioni scritte in altri blocchi creati dai miner, permettendo così ai bitcoin di circolare nell’economia. Per informazioni sulla creazione e transazione di bitcoin, vedasi www.albertodeluigi.com/index/bitcoin/transazione-bitcoin

« Back to Glossary Index

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *