Metallo e Gold Standard

< Pagina precedente Pagina successiva >

 

 

Pregi e difetti della moneta metallica

 

Se per ipotesi vivessimo in un mondo dove la moneta è l’oro, e avessimo appena scoperto un nuovo materiale, l’argento, come possibile sostituto o concorrente dell’oro, i «pionieri» di questa scoperta, convinti che l’argento sarà accettato come moneta, spenderanno molto per accumularlo quando ancora è poco costoso farlo. Proprio come miner e early adopter hanno accumulato bitcoin. Chi in futuro vorrà acquistare monete in argento, avrà costi più alti, ma rischi minori, perché l’argento è ormai accettato da chiunque.

Tuttavia l’adozione dell’argento, verosimilmente, non vedrà un accumulo iniziale da parte degli early adopter tale a quello dei bitcoin. Infatti il vantaggio del metallo è che la sua offerta non è tanto rigida quanto quella di bitcoin (a meno che finiscano tutti i giacimenti minerari).

Con un’offerta più elastica, è più facile trovare un equilibrio fra domanda e offerta e il prezzo sarà più stabile nel tempo, anche se oscillatorio (al contrario quello dei bitcoin, nella nostra ipotesi, cresce costantemente nel tempo). Questo rende il metallo una migliore unità di conto e non incentiva eccessivamente l’accumulo, buone caratteristiche per una valuta che sia utilizzata come mezzo di scambio e garanzia dei pagamenti.

 

Un metallo ha però anche molti difetti:

1 - Anzitutto non ha affatto un valore davvero stabile, ma oscillatorio. In caso di scoperta (o fine) di grandi giacimenti, si può creare anche forte inflazione (o deflazione) e la volatilità non facilita l’utilizzo della moneta come unità di conto.

2 - Non è scalabile, cioè non è divisibile in infiniti decimale

3 - È difficilmente trasportabile. Le transazioni sono molto lente, costose e poco sicure. Una grossa transazione richiederebbe una carovana.

 

I difetti 2. e 3. rendono l’oro del tutto inadatto ad un’economia moderna. Tuttavia sono ovviabili grazie ad un regime di gold standard. Un’ente di fiducia (la banca) accumula oro ed emette dei titoli di credito utilizzando come garanzia le riserve d’oro. In effetti non è più l’oro a essere scambiato ma i titoli di credito,  ovvero la cartamoneta (o dei numeri su un computer), il cui valore è legato all’oro. In regime di puro gold standard la banconota – almeno  in teoria – dovrebbe poter essere cambiata in oro se presentata in banca (o alla Banca Centrale).

 

 

 

Pregi e difetti del gold standard

 

Il gold standard, a differenza dell’oro o del bitcoin, richiede necessariamente un intermediario: la banca. Questo fatto, rispetto a un regime monetario in bitcoin, comporta quattro problemi:

 

1 - Un intermediario comporta un costo. Per esempio il costo di stampa delle banconote, la gestione amministrativa dell’ente, le misure di sicurezza contro il furto, ecc.

2 - Un intermediario presuppone una relazione di fiducia: quando Alice accetta una banconota da 20 da Bob con la firma o il timbro di una banca (o una Banca Centrale), l’accetta perché è convinta di poter cambiare quella banconota nella corrispondente quantità di oro quando lo desidera. Invece può capitare che la banca non sia in grado di restituire quanto dovuto, è cioè possibile fidarsi di una banca sbagliata, che non ha abbastanza riserve in oro.

3 - L’intermediario è un’ente fidato, quindi in vista. È necessario che siano in molti a fidarsi di un ente che emette titoli di credito come le banconote, affinché chiunque accetti di riceverle quotidianamente in cambio del proprio lavoro o dei propri beni. Questo ente deve quindi essere necessariamente importante e in vista. Inevitabilmente questo lo sottopone all’influenza dei poteri forti, come gli Stati nazionali o le autorità che essi controllano (direttamente o indirettamente), come le Banche Centrali. Il che potrebbe essere un bene, o un male, come vedremo.

4 - L’intermediario può fare credito creando moneta. Come questo avviene è spiegato nella prossima pagina. Ciò può avvenire anche in regime di gold standard, non solo in regime di valuta fiat. La creazione di moneta potrebbe essere un bene, o un male, come vedremo.

 

 

< Pagina precedente Pagina successiva >

Share this page:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *